• Sorrento hotel sul mare | Escursioni ad Ischia | Towers Hotel - Foto 1 zoom_image
  • Sorrento hotel sul mare | Escursioni ad Ischia | Towers Hotel - Foto 2 zoom_image
  • Sorrento hotel sul mare | Escursioni ad Ischia | Towers Hotel - Foto 3 zoom_image
  • Sorrento hotel sul mare | Escursioni ad Ischia | Towers Hotel - Foto 4 zoom_image
  • Sorrento hotel sul mare | Escursioni ad Ischia | Towers Hotel - Foto 5 zoom_image
  • Sorrento hotel sul mare | Escursioni ad Ischia | Towers Hotel - Foto 6 zoom_image
  • Sorrento hotel sul mare | Escursioni ad Ischia | Towers Hotel - Foto 7 zoom_image
  • Sorrento hotel sul mare | Escursioni ad Ischia | Towers Hotel - Foto 8 zoom_image
  • Sorrento hotel sul mare | Escursioni ad Ischia | Towers Hotel - Foto 9 zoom_image
  • Sorrento hotel sul mare | Escursioni ad Ischia | Towers Hotel - Foto 10 zoom_image
  • Sorrento hotel sul mare | Escursioni ad Ischia | Towers Hotel - Foto 11 zoom_image

Intorno a noi / Ischia

Finalmente Ischia... La costa è incantevole; s'innalza

dolcemente fino ad una grande collina, coperta di verde,

di giardini e di vigne.

Guy de Maupassant, 1885

 

L’isola d’Ischia è la più grande del golfo di Napoli.

Da sempre meta popolarissima, frequentata dal turismo internazionale attratto anche dalla sua vivace vita notturna, ha meritato, per la straordinaria bellezza del suo paesaggio, il nome di Isola Verde o Giardino d’Europa. 

Oltre alle grandi attrattive paesaggistiche e balneari, ciò che rende Ischia una meta irrinunciabile sono le sue terme, famosissime per la qualità delle acque.

Le più rinomate sorgenti termali sono nei borghi di Casamicciola Terme e Lacco Ameno.

Il centro principale, che dà il nome all’isola, è composto dai nuclei di Porto, stazione balneare e termale, e Ponte, un insieme di costruzioni di epoche diverse, oggi caratteristico borgo di pescatori dominato dal Castello Aragonese.

Quest’ultimo fu commissionato dal re Alfonso V d’Aragona e grazie alla posizione strategica consentiva alla comunità di difendersi dagli attacchi dei nemici e dei pirati.

Il Castello è in realtà una cittadella, con strade, chiese, un carcere e perfino un piccolo albergo. Magnifico il panorama che si gode dalle terrazze a strapiombo sul mare.

Per conoscere meglio la ricca storia dell’isola è sicuramente utile una visita al Museo Archeologico di Pithecusae, dall’antico nome di Ischia, dove si custodiscono reperti preziosi tra cui la famosa Coppa di Nestore. 

Tra i numerosi borghi di Ischia, tutti meritevoli di una visita, è da ricordare Forìo, che conserva il tradizionale aspetto di borgo marinaro. Qui, su uno sperone tufaceo, si staglia il bianco Santuario di Santa Maria del Soccorso, piccola chiesa assai pittoresca dove i marinai venivano a rendere grazie per i pericoli scampati.

La chiesa, antico convento degli Agostiniani, fondato nel XIV secolo, sorge in una posizione particolarmente suggestiva e scenografica, su un promontorio a picco sul mare. Dal bellissimo terrazzo maiolicato, in particolari condizioni atmosferiche, è possibile assistere al suggestivo fenomeno di rifrazione ottica noto col nome di raggio verde.

Il tramonto in questo angolo di paradiso, con il rosso del sole a infuocare le mura bianche della chiesa, è un’esperienza unica. 

Sempre nei pressi di Forio è da vedere lo spettacolare giardino, fiorito praticamente tutto l’anno, della Mortella, il luogo dei mirti. In questa villa, casa del musicista sir William Walton, è possibile ammirare fiori coloratissimi, piante esotiche e incantevoli ninfee. 

Altra villa famosa è La Colombaia, la mitizzata residenza estiva di Luchino Visconti, oggi sede del museo permanente dedicato al grande regista. La Colombaia, creata assecondando il gusto liberty di Visconti, è incastonata tra il mare, il cielo e il fitto bosco ed all’esterno presenta un anfiteatro che ospita importanti manifestazioni culturali. 

Su tutto domina incontrastata la vetta del Monte Epomeo (789 m), che dona all’isola

il suo profilo inconfondibile e regala panorami mozzafiato sul golfo di Napoli. Suggestiva, una volta giunti alla vetta, è la visita all’eremo di San Nicola (XV secolo), interamente scavato nella roccia tufacea. 

Infine, è doveroso ricordare la splendida spiaggia dei Maronti, la più grande dell’isola: un’ampia baia incorniciata da macchia mediterranea in grado di riservare grandi sorprese ai suoi ospiti.

 

Le parole più memorabili per descrivere lo stato d’animo che si prova dopo aver visitato questo incanto della natura sono le ultime righe della poesia di commiato a Ischia del grande poeta W.H. Auden: 

“sebbene non sempre si possa ricordare esattamente perché si è stati felici, non ci si dimentica d'esserlo stati”.

OK

Visitando questo sito, acconsente all'uso di cookie per fini comprendenti la pubblicità e l'analisi.
Ulteriori informazioni